Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Il concorso intendeva avvicinare i giovani alla poesia, coniugando questo genere letterario nel linguaggio video e multimediale, oggi avanguardia dell'espressività artistico-culturale. Era richiesto ai concorrenti di realizzare un video, di massimo 5 minuti, ispirandosi a un componimento poetico di Dante Alighieri. L’iniziativa è patrocinata dalla Regione del Veneto, dall’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto e dai Comuni di Oderzo e Ravenna. Il Liceo Artistico IIS Munari di Crema ha presentato un’opera di videoarte dove l'unione tra ricerca tecnologica e riflessione estetica traduce in chiave contemporanea le visioni dantesche in particolare quattro scene dell’inferno tratte dal canto VII, una del purgatorio  canto XIX e una del paradiso canto XXIII. Il dialogo tra antico e contemporaneo è il fulcro del progetto dove gli studenti hanno potuto reinterpretare le parole del poeta immedesimandosi nelle figure presenti nei canti della Divina Commedia, facendosi domande, ridiscutendo i contenuti, mettendosi in discussione e letteralmente a nudo in una sorta di “pittura digitale”. La domanda fondamentale, che è insita nel titolo, ha proprio a che fare con le tematiche dantesche che ancora oggi suscitano in noi le stesse indagini interiori, gli stessi dubbi, le stessi inquietudini di fronte a un mondo che forse non è poi così diverso da quello simboleggiato dal poeta nella sua opera. Le scene dell’inferno infatti hanno un andamento circolare, una sorta di loop nel quale le anime dannate ripetono all’infinito i loro gesti, senza speranza, senza possibilità di uscita. Nel purgatorio le anime guardano i loro peccati e decidono di uscirne, di staccarsi dalle angosce terrene, in una sorta di evoluzione che li porterà al paradiso dove la Madonna, simbolo del femminino sacro, si dissolve nella luce della divina conoscenza. Gli studenti hanno progettato tutte le componenti di una messa in opera digitale, dalle scenografie ai costumi, dalla drammatizzazione agli effetti sonori. Gli studenti coinvolti facevano parte della classe 3C indirizzo Arti Figurative (a.s. 2020-21) coordinati dalla docente Elisa Tagliati e con il supporto tecnico di Muvlab. La presentazione dei video selezionati si terrà domenica 5 settembre alle ore 13.00 presso lo spazio della Regione Veneto alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e i video vincitori saranno proclamati e premiati a Oderzo (TV) il 14 ottobre.