Dimenticare e cancellare le foibe è come seppellire la nostra storia.
Dal 2004, ogni 10 febbraio, si celebra la Giornata del Ricordo per ricongiungere
nel libro della nostra storia alcune pagine strappate.

 

Così anche a Crema, in questo giorno alle ore 11:00, in piazza Istria e Dalmazia si è tenuta la cerimonia di posa della corona di alloro con l'intervento di autorità e testimoni, in ricordo delle vittime delle foibe. Alla manifestazione hanno partecipato anche le scuole, tra cui il nostro Istituto di Istruzione Superiore “Bruno Munari”. In rappresentanza, la nostra classe, la 4^I del Liceo delle Scienze Umane, accompagnata dalle docenti Alemanno e Pedrinazzi, ha preso parte all’evento commemorativo organizzato dal Comune. Il vicesindaco, Cinzia Fontana, rivolgendosi a noi giovani, ha ricordato che è la nuova generazione a portare sulle spalle il peso della responsabilità di combattere contro gli stereotipi e i pregiudizi razziali, politici e di genere che hanno macchiato di sangue il secolo scorso. Agli occhi degli altri, l’identità politica del popolo italiano è stata ritenuta fascista; anche coloro che si sono opposti al regime di Mussolini sono stati considerati fascisti. Alcuni Italiani, a causa delle loro reali o presunte idee politiche furono gettati nelle foibe insieme agli oppositori della terribile dittatura di Tito, portavoce delle idee comuniste, e a una moltitudine di innocenti. La generazione Z ha il compito di ricordare gli orrori del passato attraverso manifestazioni, testimonianze e commemorazioni per evitare di inserire altre pagine nere nella storia ed evitare che gli episodi di ieri possano essere dimenticati un domani. Vogliamo fare nostre le parole di Liliana Segre, senatrice a vita, da sempre impegnata nella divulgazione di ciò che è stato, che così afferma:

<<Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l’indifferenza e ci aiuta in
un mondo così pieno di ingiustizie e sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi
ha una coscienza e la può usare>>.

Questo è l'insegnamento di cui dovremmo sempre far tesoro!

 

Abbà Sofia, Bignamini Sofia, Cerioli Aurora, Marinoni Giulia e Premoli Carolina

 

alunni SEGRE.