Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

Il 31 Gennaio si sono concluse le preiscrizioni per gli alunni della terza media che evidenziano un forte incremento di studenti che hanno scelto il “Munari”. L’istituto presenterà il prossimo anno due classi in più rispetto alla situazione odierna: in totale quattro classi prime per il liceo delle scienze umane e due classi prime per il liceo economico sociale. Si confermano  i numeri dello scorso anno al liceo artistico, tra i pochi in Italia ad avere attivati tutti i 6 percorsi liceali: architettura, audiovisivi, design, grafico, scenografia, figurativo. Viene anche confermata  la classe del percorso tecnico grafico. Con un totale complessivo di circa 1200 alunni il Munari evidenzia sempre meglio la sua figura di nuovo polo liceale alternativo a quello già esistente nella città di Crema, consolidando il rapporto con il territorio. “Come primo anno del nuovo Munari non potevamo aspettarci di meglio,  con ben 265 ragazzi di terza media che hanno scelto per il prossimo anno il nostro istituto. Il risultato è stato ottenuto grazie ad un grande lavoro di squadra svolto dal dirigente, dai collaboratori  Raffaella Sangiovanni e Laura Lisè, referente della commissione orientamento, da tutti i docenti e dal personale ATA. Registriamo un elevato numero di studenti grazie alla nostra qualificata offerta formativa che  ha trovato notevole apprezzamento tra i ragazzi e tra  le famiglie. Sono stati altresì effettuati rilevanti investimenti in questa prima parte dell’anno nella sede di Largo Falcone e Borsellino per implementare i laboratori, le linee internet e dotare tutte le  aule di Lim”, dice il dirigente Pierluigi Tadi, secondo il quale, i due corsi trasferiti quest’anno nel nostro istituto hanno certamente beneficiato della nuova organizzazione all’interno del Munari.

Leggi l'articolo completo su CremaOggi e de Il Giorno